II A 29           

Manuscript description

Napoli, Biblioteca nazionale Vittorio Emanuele III, II A 29

1001-1100 (guardie iniziali I-IX del XX sec.; guardie iniziali X-XII del XVIII sec.) · membr., guardie membranacee · cc. 12 + 162 + 3 (duplicazione c. 62) · mm 220180.

Fascicolazione: 1-20 (8), 21 (5).
Segnatura dei fascicoli: fascicoli numerati a lettere greche nel margine inferiore interno dell'ultima carta di ciascuno αʹ-κʹ; seguono cinque carte che formavano il fascicolo καʹ (infatti il cod. II A 28 comincia col fascicolo numerato κβʹ). La prima lettera è numerata ιηʹ, ma non è più rintracciabile nel codice traccia della numerazione dei fascicoli e delle epistole di Crisostomo.
Rigatura: Lake I 38 d (ma a volte le linee arrivano ai margini) = Leroy 24 C 1.
Specchio rigato: mm 140/150×110.
Righe: 20/21.
Scrittura e mani: un unico scriba ha vergato elegantemente questo codice e il codice II A 28 con inchiostro castano chiaro, con poche aggiunte (cc. 27r, 107r) e correzioni ai margini; spiriti angolosi e iota muto omesso, a volte ascritto. Altre mani più recenti hanno aggiunto alcune glosse: a c. 51r una sentenza ciceroniana "Non eadem est pecuniae exhibitio et gratiae" (Pro Plancio XVIII, 68).
Stato di conservazione: pergamena di qualità abbastanza buona, ma consumata dall'uso e macchiata dall'umidità, tuttavia senza danno per la scrittura. Margini delle cc. 1 e 105 rinforzati con strisce di carta.

Legatura: 1601-1700 (legatura farnesiana; sul dorso a lettere dorate "CHRYSOSTO(MI) EPIST. GRAEC."); sul contropiatto anteriore è incollata un etichetta sulla quale ci sono annotazioni a proposito di tre lettere.

Storia: il codice costituiva un unico volume con il II A 28 e presentava un ordine turbato delle carte; è stato diviso in due parti nel sec. XVII. Il corretto ordine delle carte è stato ristabilito nel sec. XIX (forse da Emidio Martini), con la contestuale aggiunta dell'indice latino alle cc. IVr-IXv e rinvii alla Patrologia graeca. Una mano del sec. XVIII ha aggiunto l'indice latino quando il codice non era ancora stato riordinato secondo la composizione originale. A c. 92v un'altra mano ha scritto "παραμυθικὴ περὶ θανάτου θυγατρός". Sul margine superiore di c. 1r: "Chrysostomi Epistolae". Appartenuto alla biblioteca privata di casa Farnese.

Farnese <casa>.

cc. 1r-164v
Autore: Johannes: Chrysostomus <santo; 349-407> (santo, patriarca d'Alessandria; DOC, 2, 1120; EI, 17, 232-233).
Titolo identificato: Epistulae, DOC, 2, 1124-1127; CPG 4405; numerate ιηʹ-ρϞθʹ: 118, 174, 200-202, 234, 119-121, 203-204, 180, 115, 205, 116, 207-212, 122, 199, 213-218, 123, 219-220, 124, 117, 221-226, 126, 227, 228-232, 175-178, 242, 179, 18-25, 26 (expl. in modo diverso dalle ed.; PG, 52, 626, nota c), 27-34, 129, 35-45, 130, 46-65, 131, 66-70, 71, 72-78, 134-135, 132, 136-139, 133, 140, 128, 141-142, 127, 144-147, ep. a vescovi, presbiteri e diaconi (ed. PG, 52, 541-542), ep. a Innocenzo vescovo di Roma (ed. PG, 52, 529-536 r. 6), ep. seconda a Innocenzo vescovo di Roma (ed. PG, 52, 535-536), 148-149, 181-184, 150-152, 153 (expl. in modo diverso dalle ed.; PG, 52, 702, nota e), 154-155, 156 (inc. PG, 52, 703), 157, 159, 158, 160-170, 79, 171 (expl. in modo diverso dalle ed.; PG, 52, 710, nota b), 172-173, 80-84, 236, 85 (inc. PG, 52, 653), 86-91.

c. 41r
Autore: Homerus.
Titolo uniforme: Ilias, DOC, 2, 973; ai margini e nell'interlinea, vv. I, 1-10.

Bibliografia a stampa: P. Baffi, Catalogus mss. Graecorum Bibliothecae Regiae Neapolitanae, in: J. A. Fabricius, Bibliotheca graeca, 5, Hamburg 1796, 780 e 779, nn. 104 e 99.
S. Cirillo, Codices Graeci manuscripti Regiae Bibliothecae Borbonicae, 1, Neapoli 1826, 90-92.
G. Pierleoni, Catalogus codicum graecorum Bibliothecae Nationalis Neapolitanae, I, Roma 1962, 105-111.
L. Pernot, La Collection de Manuscrits grecs de la maison Farnèse, in "Mélanges de l'École Française de Rome", 91 (1979), 457-506, qui 465.
A.-M. Malingrey, La double tradition manuscrite de la lettre de Jean Chrysostome à Innocent, in "Traditio" XXXVIII (1981), 381-388, qui 382.
R.E. Carter, Codices chrysostomici graeci, V, Paris 1983, 142-144.
E. Mioni, Catalogus codicum graecorum Bibliothecae Nationalis Neapolitanae, I.1, Roma 1992, 84.
M.R. Formentin, Uno "scriptorium" a palazzo Farnese?, in "Scripta. An international Journal of Codicology and Palaeography", 1 (2008), 77-102, qui 79.

Fonti: Patrologia Graeca, ed. J.-P. Migne, Paris 1857-1886.
Enciclopedia italiana di scienze, lettere ed arti, Roma 1929-.
Clavis Patrum Graecorum qua optimae quaeque scriptorum patrum Graecorum recensiones a primaevis saeculis usque ad octavum commode recluduntur, Turnhout 1974-2003.
V. Volpi, DOC. Dizionario delle opere classiche, Milano 1994.

Recupero da catalogo

(Mioni, 1992, 84).


Fondo: .
Lingue:
Codici di contenuto:
Catalogazione: Data creazione scheda: Data ultima modifica:

Footer links

Site sections

Catalogue

Project

Downloads

Site map


The texts and the images are exclusively for personal use and to didactic and research purpose, to condition that the source is cited. Use for commercial or profit purposes is not allowed.

Valid XHTML 1.0 Strict - Valid CSS - Level Triple-A conformance, W3C-WAI Web Content Accessibility Guidelines 1.0 - Section 508.

visitators since 1 marzo 2006.