Venezia, Biblioteca nazionale Marciana, Gr. III, 1 (=1002) 1276-1300 · cart. · cc. 187 (numerazione delle carte eseguita con stampigliatura da 1 a 187: bianche le cc. 7r, 172v ) · mm 290×225. Fascicolazione: 1x6 (6), 2x4 (10), 3x7 (17), 4x4 (21), 5x8 (29), 6-7x2 (33), 8x4 (37), 9x8 (45), 10x4 (49), 11x8 (57), 12-14x4 (69), 15x2 (71), 16x4 (75), 17-30x8 (187); il codice si divide in due parti, la prima comprende i fascicoli 1-16, la seconda i fascicoli 17-30. Segnatura dei fascicoli: nei fascicoli 17-30 è eseguita ad inchiostro e collocata nel margine inferiore sia del recto della prima carta sia del verso dell'ultima carta dei fascicoli. Righe: linee di scrittura 45-47. Disposizione del testo: due colonne di scrittura. Scrittura e mani: tre mani coeve: A, cc. 1r-2r, 8r-75v; B, cc. 76r-182r; C, cc. 2v-6v, 182r-187v. Stato di conservazione: le carte sono dannegiate dagli insetti e presentano diversi strappi. Decorazione: 1276-1300; iniziali maggiori e minori eseguite con inchiostro rosso; fascette ornamentali e titoli sono eseguiti con inchiostro rosso. Legatura: 1901-1950; assi in cartone; coperta in pelle; su entrambi i piatti si trova raffigurato lo stemma della Biblioteca Marciana. Storia: nel margine superiore di c. 8r si trova una nota di possesso: "Κανόνες τῶν συνόδων, τόπος να´, Βησσαρίωνος καρδηνάλεως τοῦ τῶν τούσκλων. Canones synodorum, Locus 51. B(essarionis) Car. Tusculorum". Possessore: Bessarion (PMA, 101; RGK, 1, 41; 2, 61; 3, 77; AP, Bessarion). cc. 1r-4r Titolo presente: περὶ τοῦ θρόνου τῆς θεουπόλεως μεγάλης ἀντιοχείας (c. 4r). Titolo presente: περὶ τοῦ γένους τῶν ὀρθοδόξων ἰβήρων (c. 4v). Titolo identificato: Notitia Patriarchatus Constantinopolitani, PG, 107, 355-418; ed. PG, 107, 359-368; cfr. anche Gelzer, 1901, 550-559 ma il testo non è sempre coerente con il nostro. Testo inc. Ἐπὶ τῆς βασιλείας τοῦ κωνστντίνου (c. 4v). Osservazioni: a c. 3r è inserita una "tabula cycli decemnovennalis"; seguono (c. 4r) notitia sul patriarcato di Antiochia (c. 4v) "De genere Iberorum qui rectam fidem profitentur". cc. 5r-6v Titolo identificato: Synodicon liturgicum, ed. Uspensky, 1893; ed. Uspensky, 1893, 1-23 lin. 32. cc. 7r-175v Autore: Johannes: Zonaras (DOC, 2, 1191). Autore: Theodorus: Balsamon (DOC, 2, 1717-1718). Titolo identificato: Commentaria in canones ss. Apostolorum, Conciliorum et in epistulas canonicas ss. Patrum, DOC, 2, 1191; PG, 137; 138, 9-1076; ed. PG, 137, 28-1496; 138, 9...916. cc. 66r-68r Autore: Tarasius: Constantinopolitanus (patriarca di Costantinopoli; santo; DOC, 2, 1695). Titolo identificato: Epistula ad Adrianum papam, Pitra, 2, 1868, 304-309; con un breve commento (ed. PG, 138, 936-937). cc. 176r-177r Titolo identificato: Constitutiones Apostolicae, DOC, 1, 551-559; CPG 1730; V 13, 18-19; VII 23; V 7 (piuttosto discrepanti dalle edizioni). cc. 176r Titolo identificato: Indices apostolorum recentiores duo, BHG 156. Ultimo testo inc. Πέτρος ὁ τῶν ἀποστόλων πρόκριτος (c. 176r), expl. Ἰάκωβος... διὰ τὸν χριστοῦ λόγο ἀνῃρηται (c. 176r). Primo testo inc. Πέτρος καὶ Παῦλος ἐν ῥώμῃ ὑπὸ νέρωνος ἐν μιᾶ ἡμέρα (c. 176r), expl. Σιμῶν... ἐν τῆ ἰουδαία ἐπὶ δομετιανοῦ (c. 176r). cc. 177v-180v Altra relazione di D.I.: Basilius: Caesariensis (DOC, 1, 368-378). Altra relazione di D.I.: Isidorus: Pelusiota (DOC, 2, 1082). Autore: Johannes: Scholasticus (PMA, 407). Titolo identificato: Synagoga L titulorum, CPG 7550; a c. 177v è premesso l'ordine dei concili, a cui seguono Basilius Magnus, ep. 115 (CPG 2900.115), un brevissimo excerptum da Isidorus Pelusiota, alcuni capitoli dalle Constituiones Apostolicae (ed. Pitra, 1, 1864, 99-100); segue alla fine un Commentarius in Apostolorum canonem 35 (ed. Pitra, 1, 1864, 20). cc. 182r-187r Titolo presente: Τοῦ ὂρους μνήμη τῆς δʹ συνόδου, ἤτοι τὰ πρακτικὰ (c. 182r). Titolo elaborato: De synodis, cfr. Voellus-Justel, 2, 1661, 1172-1193; cfr. anche Dvornik, 1950, 605-611. Testo inc. Δεῦτε, τέκνα, ἀκούσατέ μου· δόγματα γὰρ τῆς χριστοῦ ἐκκλησίας διδάξω ὑμᾶς (c. 182r). Bibliografia a stampa: V. Beneševič, Iohannis Scholastici Synagoga L Titulorum, in "Abhandl. d. Bayer. Akad. d. Wiss., Philos.-hist. Abteilung" N.F. 14 (1937), 6-30, qui VI. E. Mioni, Bibliothecae Divi Marci Venetiarum, Codices Graeci Manuscripti, I, Codices in classes a prima usque ad quintam inclusi, II, Classis II, codd. 121-198 - Classes III, IV, V, Indices, Roma 1972, qui 135-137. Fonti: Dizionario biografico degli italiani, Roma 1960-. G. Voellus-H. Justel, Bibliothecae iuris canonici veteris, 2, Lutetiae Parisiorum 1661. Patrologia Graeca, ed. J.-P. Migne, Paris 1857-1886. I.B. Pitra, Juris ecclesiastici Graecorum historia et monumenta, I–II, Romae 1864–1868. F.I. Uspenskij, Sinodik v Nedelju Pravoslavija, Odessa 1893. H. Gelzer, Ungedruckte und ungenügend veröffentlichte Texte der Notitiae episcopatuum, in "ABAW", 21 (1901), 529-641. F. Dvornik, Le schisme de Photius: histoire et legende, Paris 1950. Bibliotheca hagiographica Graeca, 3 éd. mise à jour et considérablement augmentée, par F. Halkin, Bruxelles 1957. Clavis Patrum Graecorum qua optimae quaeque scriptorum patrum Graecorum recensiones a primaevis saeculis usque ad octavum commode recluduntur, Turnhout 1974-2003. V. Volpi, DOC. Dizionario delle opere classiche, Milano 1994. Personennamen des Mittelalters. Nomina Scriptorum Medii Aevi. PMA, red. Bearb. C. Fabian, 2. erw. Ausg., München 2000. Bessarion in: Archivio possessori, Biblioteca nazionale Marciana (15 dicembre 2020) [https://marciana.venezia.sbn.it/immagini-possessori/107-bessarion]. Recupero da catalogo (Mioni 1972, I.2, 135-137). Fondo: Manoscritti Greci classe III. Lingue: Greco classico (fino al 1453) (cc. 1r-4r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 5r-6v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 7r-175v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 66r-68r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 176r-177r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 176r), Greco classico (fino al 1453) (cc. 177v-180v), Greco classico (fino al 1453) (cc. 182r-187r). Soggetto: Diritto canonico. Codici di contenuto: opera giuridica. Catalogazione: Pasquale Orsini. Data creazione scheda: 28 settembre 2011. Data ultima modifica: 21 aprile 2020.